Gv 3,7

« Non meravigliarti se ti ho detto: dovete nascere (dall'alto*) di nuovo.»

Al di là del non meravigliarti che Gesù dice a Nicodèmo... il quale evidentemente è rimasto sorpreso dalla “novità” delle parole che ha ascoltato... è qui significativo rilevare una “stranezza”:
Mentre prima Gesù ha parlato al “tu” dicendo “io ti dico” (Gv 3,3.5)… o al singolare impersonale dicendo “se uno non nasce” (Gv 3,3.5)... adesso Lui fa riferimento alle Sue precedenti parole come se fossero state pronunciate al voi... « Non meravigliarti se ti ho detto “dovete nascere (dall'alto*) di nuovo” ».
Questa anomalia espressiva ha l'effetto di rimarcare che non è certo Gesù ad avere necessità di essere rigenerato...
A dover rinascere spiritualmente sono tutti gli esseri umani, ai quali sono rivolte le Sue parole.

*Vedi: Nota esegetica su Gv 3,3-4

Segue: Gv 3,8